Choosing a system | Alfa Laval

Scegliere un sistema di trattamento delle acque di zavorra

Consultate la nostra guida alla scelta di 11 punti che vi aiuterà a scegliere il sistema più adatto alle vostre esigenze.

1. Il sistema scelto è omologato sia dall'IMO che dalla U.S. Coast Guard?

La conformità con la convenzione sulla gestione delle acque di zavorra dell'IMO (BWM) ratificata di recente è obbligatoria. È fondamentale verificare la presenza di una certificazione di omologazione IMO recente.

La valutazione dei sistemi è progredita da quando la convenzione BWM è stata adottata nel 2004. Le certificazioni rilasciate da organismi terzi autorizzati forniscono ora maggiori dettagli sui test, nonché informazioni sui limiti operativi del sistema, sui livelli di salinità, temperatura e trasmittanza UV.

È necessario essere a conoscenza delle normative nazionali e regionali. Per lo scarico delle acque di zavorra nelle acque degli Stati Uniti, il sistema di trattamento delle acque di zavorra di una nave deve essere omologato dalla USCG.

La conformità della nave rispetto alla normativa USCG aumenta il valore di rivendita. In caso contrario, un investimento da parte degli acquirenti che intendono operare in questo mercato chiave sarebbe improbabile.

Per tutte le omologazioni, cercate le certificazioni rilasciate da una terza parte autorizzata al fine di garantire maggiore validità e maggiore trasparenza.

2. Nella certificazione è stata utilizzata acqua con organismi presenti in natura?

Le certificazioni di omologazione rilasciate da una terza parte autorizzata garantiscono un ambiente di test controllato e condizioni di test realistiche.

Ad esempio, gli organismi che vivono vicino alla superficie dell'acqua sono più resistenti alla luce UV e meglio trattati con lampade UV a media pressione.

Se si utilizza una miscela uniforme di organismi selezionati e coltivati ​​durante i test, i risultati possono mostrare che vengono rimossi. Ciò non corrisponde alle situazioni del mondo reale in cui l'acqua non viene regolata e gli organismi sono più resistenti e più diversificati.

I fornitori seri comprendono le implicazioni reali della non conformità. Scelgono una tecnologia UV affidabile, ricercano la trasparenza garantita da una terza parte e sollecitano in modo proattivo i propri sistemi per garantire la resilienza.

Si dovrebbe usare acqua naturale con organismi non coltivati ​​come policheti, rotiferi e gamberetti, potenzialmente in presenza di ulteriori aspetti svantaggiosi come le fioriture di alghe.

3. Il sistema è progettato specificatamente per l'utilizzo in ambito navale?

Per quanto possa sembrare sorprendente, la maggior parte dei sistemi di trattamento delle acque di zavorra affonda le proprie radici nel trattamento dell'acqua potabile a terra. La loro tecnologia, anziché essere stata sviluppata per l'impiego previsto, è stata adattata per cercare di soddisfare le esigenze dell'ambiente del settore navale.

I sistemi di trattamento UV terrestri si occupano di ambienti idrici meno complessi e gli altri processi di pulizia avvengono prima dell'inizio del trattamento.

I sistemi di trattamento dell'acqua di zavorra devono affrontare organismi difficili, qualità dell'acqua irregolare, temperature più elevate e lunghi periodi di stasi con acqua salata al loro interno. Solo un sistema specificamente progettato per le condizioni del settore navale è adeguatamente equipaggiato per affrontare queste sfide.

4. I componenti chiave del sistema resistono alla corrosione dell'acqua di mare?

Molti sistemi di trattamento delle acque di zavorra realizzano i componenti chiave con materiali di qualità inferiore, come l'acciaio 316L. Nonostante l'acciaio 316L sia un materiale ingegneristico diffuso, è anche un materiale che si corrode a contatto con l'acqua di mare.

Un reattore per il trattamento UV realizzato in acciaio 316L che viene riempito con acqua di mare durante tutto il processo di trattamento, può corrodersi e necessitare una sostituzione in meno di cinque anni.

L'acciaio inossidabile super austenitico 254 SMO e AL6-XN resiste alla corrosione dell'acqua di mare. I componenti chiave realizzati con questi materiali durano molto più a lungo. I reattori UV realizzati in AL6-XN possono durare fino a 20 anni o più.

5. Il sistema scelto sfrutta al massimo la luce UV prodotta?

Per rendere il trattamento UV biologicamente efficace ed efficiente dal punto di vista energetico, la luce UV prodotta dalle lampade deve raggiungere gli organismi bersaglio.

La struttura interna del reattore dovrebbe garantire una distribuzione elevata e uniforme della luce UV e un'elevata turbolenza nell'acqua che lo attraversa. Ciò assicura che tutti gli organismi ricevano una dose concentrata.

Le acque poco limpide, dove la trasmittanza UV è inferiore, richiedono l'adozione di misure ancora più stringenti. I manicotti in quarzo sintetico appositamente progettati supportano la trasmissione di uno spettro di lunghezze d'onda più ampio e forniscono più luce UV per la disinfezione. Qualsiasi sistema affidabile deve essere dotato di tale capacità.

6. Il sistema offre una gestione efficiente dell'energia?

Le prestazioni in termini di disinfezione biologica e l'efficienza energetica sono entrambe fondamentali per la gestione energetica. Per garantire la conformità, i sistemi di trattamento delle acque di zavorra utilizzano la minor quantità possibile di energia.

Per gestire scenari difficili come la bassa trasmittanza dei raggi UV senza compromettere le operazioni della nave, hanno anche bisogno di energia di riserva. Le operazioni compromesse rischiano di ridurre la portata dell'acqua di zavorra o perfino di impedire l'ingresso in queste acque.

7. Il sistema dispone di un ciclo CIP (Cleaning-In-Place) automatico?

Senza una pulizia regolare, i depositi di carbonato di calcio e ioni di metallo si accumulano sui manicotti in quarzo delle lampade UV. Questo blocca parte della luce UV e compromette il trattamento.

La pulizia meccanica è inefficace contro l'accumulo di ioni metallici, che devono essere rimossi con un fluido a basso pH e un processo aggiuntivo. Le spazzole non puliscono il sensore UV che misura la trasmittanza UV e regola l'utilizzo di energia, il che può comportare un consumo energetico eccessivo e prestazioni ridotte.

Qualsiasi forma di pulizia meccanica e manuale porta a graffi sui manicotti, il che riduce le prestazioni del trattamento.

I test dimostrano che il CIP contribuisce a mantenere le prestazioni di disinfezione biologica dei sistemi di trattamento delle acque di zavorra. In un sistema basato su UV, gli effetti sono evidenti dopo una singola operazione di pulizia.

8. Sono disponibili monitoraggio completo e funzioni di sicurezza intrinseche?

La sicurezza è fondamentale a bordo. I sistemi basati su UV sono più sicuri di quelli dipendenti dai prodotti chimici, ma qualsiasi sistema deve mettere la sicurezza al primo posto al fine di evitare gravi danni alle apparecchiature.

Alfa Laval PureBallast 3 dispone di sensori di temperatura e livello che bypassano il PLC, quindi anche in caso di malfunzionamento del PLC, i segnali non si perdono. Il pannello di controllo monitora i componenti principali, fornisce un feedback per mostrare le posizioni della valvola ed è cablato per spegnersi in caso di surriscaldamento o livelli di acqua bassi. Qualunque cosa succeda, le vostre persone e le vostre apparecchiature sono al sicuro.

9. Il vostro sistema di trattamento delle acque di zavorra è automatico e facile da usare?

Mentre il numero e la complessità dei sistemi di bordo sia in aumento, il tempo disponibile e la competenza degli equipaggi non lo sono. Ciò rende il funzionamento automatico essenziale per il sistema di trattamento delle acque di zavorra.

L'avvio e l'arresto con un solo pulsante, senza necessità di intervento manuale durante il funzionamento, consentono di risparmiare tempo e permettono all'occorrenza l'arresto immediato.

Un'interfaccia utente grafica intuitiva offre una panoramica chiara, consentendo al tuo equipaggio di prendere decisioni informate in modo rapido. Inoltre, la comunicazione grafica al posto delle stringhe di testo semplifica l'utilizzo del pannello da parte degli equipaggi internazionali di tutto il mondo con meno rischi di errore umano.
Un sistema di controllo che può essere autonomo o integrato nel sistema di controllo della nave offre una maggiore flessibilità.

Assicuratevi che il vostro sistema presenti tali caratteristiche.

10. Il fornitore del sistema ha dimostrato di possedere le necessarie capacità?

L'installazione di un sistema di trattamento delle acque di zavorra è un'attività complessa, specialmente negli scenari di retrofit. Sono coinvolti molti fornitori e subappaltatori e i ritardi dovuti a una cattiva gestione del progetto o alla mancanza di esperienza possono essere estremamente costosi.

La ratifica della Convenzione BWM significa che tutte le navi sono obbligate a installare un sistema per le acque di zavorra nel giro di alcuni anni; migliaia di navi si contenderanno le risorse limitate.

Un fornitore affidabile sarà in grado di dimostrare la propria capacità di consegnare nei tempi previsti, lavorare con molti fornitori e vantare un'esperienza positiva di basi installate. Importante quanto l'installazione di nuovi impianti è la comprovata esperienza nel retrofit, che è più complessa e impegnativa.

Il vostro fornitore dovrebbe essere un operatore abbastanza grande da avere la capacità produttiva di crescere nei prossimi anni ed essere in grado di dimostrare le proprie credenziali nella gestione di progetti.

Non lasciare che la tua installazione sia un esperimento di apprendimento per un fornitore inesperto.

11. Il sistema è accompagnato da un'affidabile offerta globale di servizi di assistenza?

Fai la tua scelta pensando al futuro. Un buon sistema di trattamento delle acque di zavorra dovrebbe durare per tutta la vita utile della nave.

Qualsiasi fornitore considerato deve essere in grado di fornire parti di ricambio di buona qualità e garantire esperienza e disponibilità per effettuare consegne veloci ovunque nel mondo.

Una rete globale di ingegneri esperti e ben addestrati, la competenza in materia di conformità e la capacità di fornire consulenza su problemi relativi all'ottimizzazione e all'espansione sono fondamentali. Un'offerta di servizi specifica per il trattamento delle acque di zavorra consentirà di evitare consigli generici ed errori costosi.

La prova documentata di un fornitore riconosciuto con supporto a livello mondiale può anche influenzare positivamente i prezzi di rivendita e il numero di potenziali acquirenti.
Se la nave viene venduta lungo la strada, il fatto di essere dotata di un sistema di un fornitore riconosciuto con supporto a livello mondiale può anche influenzare positivamente il prezzo di vendita e il numero di potenziali acquirenti.