Sistemi per la deceratura

La rimozione della cera dagli oli migliora la trasparenza dell'olio alimentare a bassa temperatura, il che consente un confezionamento efficace dell'olio all'interno di bottiglie trasparenti. I sistemi di Alfa Laval relativi al processo di deceratura consentono di separare le cere e di rimuovere le impurità contenenti cera, in modo sicuro, affidabile ed efficace. Le soluzioni complete di deceratura di Alfa Laval permettono di ridurre i costi di raffinazione, aumentare i ricavi attraverso il recupero dell'olio e incrementare la resa in olio alimentare raffinato.

Dewaxing and other modifications

Migliora la limpidezza e la resa in olio ottimizzando i processi di deceratura

  • Maggiore affidabilità ed efficienza operativa
  • Processi di deceratura e filtrazione ottimizzati
  • Massima resa con minime perdite
  • Funzionamento semplice con automazione e controllo completi
  • Migliore qualità e stabilità dell'olio

La deceratura è fondamentale per migliorare la stabilità dell'olio alimentare e per prevenire la formazione di cristalli e la torbidezza a basse temperature. Ottenere il massimo dagli oli grezzi di girasole, mais e semi di cotone richiede il sistema corretto, ottimizzato per le proprie esigenze di processo. Assicurati di prendere in considerazione fattori come la qualità dell'olio di alimentazione, la capacità, le condizioni degli effluenti e la qualità dell'olio raffinato desiderata. Per oli raffinati stabili che superano i test a freddo, puoi affidarti ai collaudati sistemi Alfa Laval di deceratura a umido, a secco e combinati. Qualunque sia la tua sfida di deceratura, puoi fare affidamento su Alfa Laval per soluzioni complete e affidabili, un'assistenza globale, supporto locale e massima tranquillità.

.

Sistemi di lavorazione per la deceratura dell'olio alimentare

I sistemi di deceratura di Alfa Laval rimuovono efficacemente le cere dagli oli grezzi attraverso processi di raffinazione fisica che utilizzano processi di demucillaginazione enzimatica a freddo o processi di raffinazione chimica a freddo che combinano la deceratura a umido, come i sistemi di deceratura multipla e di deceratura combinata, con un sistema di deceratura a secco.

Sistema di demucillaginazione enzimatica a freddo di Alfa Laval

Questo processo di raffinazione fisica utilizza due separatori centrifughi in linea e si avvale della demucillaginazione enzimatica per agglomerare le materie gommose, nonché della cristallizzazione della cera a basse temperature (deceratura/winterizzazione) per rimuovere le cere insieme ai fosfatidi precipitati dall'olio per mezzo di un separatore. Un secondo separatore viene utilizzato per il lavaggio dell'olio per ridurre ulteriormente la presenza di fosfatidi.

Sistema di deceratura multiplo di Alfa Laval

Questo processo di raffinazione chimica combina le tecniche di raffinazione e neutralizzazione ad alta efficienza del sistema di deceratura multiplo di Alfa Laval con il successivo raffreddamento dell'olio, la cristallizzazione della cera, il lavaggio a freddo e la rimozione della cera con acqua. Queste tecniche sono simili a quelle sviluppate da Alfa Laval per il frazionamento dell'olio di palma. Utilizzando tre separatori in linea, questo processo consente di ottenere un olio ben raffinato con perdite ragionevoli per un olio ad elevato tenore di acidi grassi liberi.

Sistema di deceratura combinata di Alfa Laval

Questo processo di raffinazione chimica combina la deceratura a umido per mezzo di due separatori in linea con la neutralizzazione a freddo e la contemporanea cristallizzazione della cera, seguita dalla rimozione della cera e del sapone.

Come funziona:

.

Come avviene il processo di deceratura

Deceratura a umido e a secco

Nella maggior parte dei casi, è importante notare che la deceratura a umido da sola rimuove una quantità sufficiente di cera, consentendo di ottenere la stabilità dell'olio richiesta al fine di poter superare il test a freddo di 24 ore; questo dato si basa su olio di girasole di qualità media con un tenore di cera pari a 600 ppm. Allo stesso tempo, la deceratura a umido è in grado di trattare olio con un contenuto di cera fino a 2.000 ppm, anche se ciò influisce sui risultati del test a freddo. Anche la deceratura a secco ha i suoi limiti, ad esempio, affinché la materia prima superi il test a freddo di 24 ore, è in grado di trattare un contenuto massimo di cera pari a 900 ppm. Per ottenere un'efficace rimozione della cera, molti produttori di oli alimentari ora combinano processi di deceratura a umido e deceratura a secco nei loro impianti di raffinazione. Questa combinazione consente ai produttori di olio di superare il test a freddo di 72 ore.

Il processo di deceratura a secco prevede la miscelazione dell'olio con la polvere del coadiuvante di filtrazione, seguita dal raffreddamento e dalla maturazione. Il raffreddamento lento assicura che eventuali cristalli formatisi non inducano il blocco del filtro. Il dosaggio della polvere del coadiuvante di filtrazione funge da controllo della semina sulla crescita dei cristalli. Poiché i fosfatidi promuovono la crescita dei cristalli, la decolorazione che consente di rimuovere questi composti avviene prima del processo di deceratura a secco.

La polvere del coadiuvante di filtrazione è un materiale di consumo che non può essere riutilizzato e la quantità di coadiuvante di filtrazione è correlata alla quantità di cera nell'olio di alimentazione. Il rapporto di dosaggio varia e la quantità di coadiuvante di filtrazione richiesta può essere fino a 10 volte la quantità di cera. Il coadiuvante di filtrazione esausto contiene fino al 60% di olio, rendendo il dosaggio corretto della polvere del coadiuvante di filtrazione la chiave per l'ottimizzazione del processo. 

La rimozione della cera e della polvere del coadiuvante di filtrazione avviene nei filtri a foglia a pressione, che sono automatizzati e richiedono una minima attenzione da parte dell'operatore. In combinazione con il funzionamento del filtro controllato dal PLC, una speciale tecnica di raffreddamento dell'olio consente il pieno utilizzo del filtro, aumentando la resa dell'olio trattato.